dell'Università degli Studi di Parma

Convegno “Tra le neuroscienze e la glottodidattica: Ponti in costruzione”, 28 aprile 2014

28 APRILE: CONVEGNO “TRA LE NEUROSCIENZE E LA GLOTTODIDATTICA: PONTI IN COSTRUZIONE”

 

Il convegno è organizzato dal Dipartimento di Lettere, Arti, Storia e Società dell’Università di Parma
Parma, 11 aprile 2014 – Lunedì 28 aprile, dalle ore 14, presso il Chiostro dei Paolotti e l’Aula Ferrari del Plesso D’Azeglio dell’Ateneo (via D’Azeglio 85), si terrà il convegno Tra le neuroscienze e la glottodidattica: ponti in costruzione, organizzato dal Dipartimento di Lettere, Arti, Storia e Società dell’Università di Parma.
Dopo i saluti delle autorità, il convegno continuerà con numerosi interventi tra cui quelli del prof. Marco Mezzadri, docente di Didattica dell’italiano e Didattica delle lingue moderne all’Università di Parma e del prof. Giovanni Buccino, neuroscienziato dell’Università di Catanzaro, già docente presso l’Ateneo di Parma.
Le recenti scoperte neuroscientifiche, soprattutto relative all’organizzazione del sistema sensori-motorio, hanno radicalmente modificato la nostra visione del cervello e il concetto stesso di funzioni cognitive. La glottodidattica, così come molte altre scienze, è alla costante ricerca di modelli traslazionali a cui guardare per poter operare le scelte teorico-pratiche di cui ha bisogno. Un rapporto interdisciplinare scientificamente credibile è, tuttavia, alquanto complesso da costruire.
Una delle funzioni che più hanno risentito delle recenti scoperte neuroscientifiche è il linguaggio: il convegno cerca di approfondire in che modo la teoria dell’embodiment (linguaggio incarnato) possa offrire spunti per una rilettura critica di modelli teorici e di pratiche glottodidattiche già consolidati o per la formulazione di nuovi modelli.

wp-content/uploads/2015